Il corpo negato nell'arte del Medioevo


Si è soliti affermare che il Medioevo negò valore all’estetica del corpo umano, considerato solo come un “immondo contenitore per l’anima” e rinnegò la rappresentazione del nudo, giudicato come una fonte di tentazioni lussuriose.
Ciò è vero solo in parte, giacché la lunghissima stagione artistica medievale, durata ben mille anni, mantenne il corpo protagonista di mosaici, dipinti e sculture. Soprattutto, propose il corpo come emblema di sofferenza e dignità, alimentando una sensibilità ancora viva ai nostri giorni.

Destinatari: docenti di scuola secondaria di primo grado

Formatore: Giuseppe Nifosì, storico dell’arte e dell’architettura nonché docente di storia dell’arte. È autore di saggi, articoli, testi scolastici, nonché curatore del blog e del podcast Arte Svelata.
È co-autore di OPEN ART, la nuova proposta di ARTE per la scuola secondaria di primo grado a marchio SEI.

Data del webinar: 2 dicembre, dalle ore 17.00 alle ore 18.30